Unimondo atlante online dating ve33ie dating site

Posted by / 29-Aug-2016 22:15

Durante la lunga stasi orogenetica protrattasi dal Cretaceo fino al Miocene l'erosione attaccò profondamente le aree eme rse: l'enorme quantità di materiale detritico prodotta progressivamente colmò numerosi bacini di sedimentazione seppellendone altresì la vegetazione e avviando così il processo di carbonizzazione al quale si devono i litantraci e le ligniti neozelandesi.Dopo le fasi orogenetiche del Cenozoico superiore-Pleistocene già ricordate, e fondamentali per l'assetto strutturale della Nuova Zelanda, si è giunti all'attuale conformazione nel corso del Neozoico con il riempimento delle depressioni tra i rilievi principali e la formazione delle pianure costiere; mentre nell'Isola del Nord perdurava l'attività vulcanica, preponderante per il modellamento dell'isola meridionale è stata l'azione degli imponenti ghiacciai che hanno ricoperto gran parte della stessa durante i periodi glaciali. La Nuova Zelanda si allunga in direzione sud-ovest/nord-est per circa 1.500 km: la costa occidentale e quella orientale però quasi mai distano più di 200 km.

Le rocce più antiche compaiono soprattutto nell'Isola del Sud, in particolare in numerose piccole aree lungo la fascia costiera nord-occidentale.

Anche le altre principali isole neozelandesi denunciano un'origine vulcanica più o meno manifesta: così, interamente vulcaniche sono le Auckland e le Campbell , tutte con tracce evidenti di modellamento glaciale, e le Kermadec, la maggiore delle quali, l'Isola Raoul, presenta ancora un certo vulcanismo secondario attivo, mentre nelle Chatham gli edifici vulcanici cenozoici si innalzano a non più di 300 m al di sopra di un basamento scistoso paleozoico, alternandosi con formazioni calcaree. Nonostante la Nuova Zelanda si allunghi per circa 13° di latitudine, tra 34° e 47° sud (escludendo le isole minori), non si hanno forti differenziazioni climatiche per il profondo influsso delle acque oceaniche, relativamente fresche, e dei forti venti occidentali (i cosiddetti westerlies ), promossi dall'anticiclone dell'Oceano Indiano e attirati dalle depressioni australi, particolarmente sensibili a sud del 40° parallelo, che investono quasi costantemente il Paese, scaricando sui rilievi perpendicolari al loro flusso abbondanti precipitazioni: si hanno in media da 150 a 200 giorni piovosi.

I valori medi di temperatura non sono elevati e le escursioni termiche alquanto contenute (a Wellington la media annua è di 13,5 °C con una estiva di 17 °C e una invernale di 8,5 °C): in generale il clima può essere definito temperato oceanico .

Nella parte settentrionale dell'Isola del Nord e nella Penisola di Auckland però si hanno condizioni climatiche semitropicali (la temperatura media estiva sale a 21 °C, quella invernale a 11 °C), di tipo mediterraneo, e si risente del passaggio di pert urbazioni cicloniche tropicali, mentre in quella meridionale dell'Isola del Sud, nelle regioni di Otago e di Southland, il clima tende al continentale (a Dunedin si ha una media invernale di 6 °C, una estiva di 15 °C).

Le precipitazioni sono naturalmente più abbondanti sui versanti occidentali, soprattutto lungo la barriera delle Alpi Neozelandesi dove alla quota di 2.000 m cadono anche oltre 5.000 mm di pioggia all'anno.

unimondo atlante online dating-73unimondo atlante online dating-18unimondo atlante online dating-20

Nell'Isola del Sud i principali fiumi scendono invece all'Oceano Pacifico, come il Clutha (322 km) e il Waitaki (209 km).

One thought on “unimondo atlante online dating”

  1. La casa di moda ha espanso il suo campo realizzando molte linee con le quali si è fatta apprezzare per abbigliamento e accessori inconfondibilmente caratterizzati dal famoso Check, una texture con righe incrociate rosse, nere e bianche su fondo beige.